Politica, secca replica della Cazzorla a “Monopoli al centro”

Corre l’obbligo di una breve replica al comunicato di Consiglieri ed Assessori di Monopoli al centro per sgombrare il campo dagli equivoci.

Il MoVimento 5 Stelle a Monopoli sta dimostrando con i fatti di aver messo momentaneamente da parte l’attacco politico a favore di un atteggiamento moderato e disponibile, rispettoso del difficile momento che stiamo vivendo tutti.

Leggere però un comunicato stampa del partito maggiormente rappresentativo di questa maggioranza che fa i complimenti in pubblico al Governo nazionale e al Governo regionale ha il sapore di una prima mossa di preparazione alla prossima campagna elettorale.

Non posso esimermi, difatti, dal denunciare l’inconciliabilità tra le dichiarazioni pubbliche di alcuni esponenti dello stesso gruppo politico rispetto a quelle riportate su chat ristrette e sui social, dove gli insulti e gli sberleffi al Presidente Conte e a tutto il Governo sono all’ordine del giorno, che rendono il comunicato in oggetto per nulla credibile.

Ma, a prescindere da questo, non possiamo non notare che si parla di coesione e collaborazione di tutte le forze politiche  ma il comunicato è stato sottoscritto solo da una parte della maggioranza (che sembrerebbe parlare in nome e per conto anche di tutti gli altri), che, guarda caso, è il partito che presenterà il consigliere Lacatena alla prossima competizione elettorale nel centro-sinistra di Emiliano e che, a detta del Consigliere Leggiero, ha sostenuto la candidatura di Felice Indiveri alla recente competizione per la città metropolitana.

Sarei curiosa di sapere se il Consigliere Leggiero condivide il comunicato dei suoi colleghi di maggioranza sull’operato del Governatore Emiliano e i Consiglieri Barletta e Scisci sull’operato del Governo Conte.

Nel comunicato ci si riferisce genericamente alle proposte di maggioranza ed opposizione ma si approva, in realtà, la sola proposta del PD tanto che appare, più che una dichiarazione di unità di intenti, un vero e proprio endorsement nel confronti del Partito Democratico. Gli altri partiti di maggioranza, Lega in testa, concordano?

Ci viene chiesto di collaborare ma non solo ad oggi nessuno si è premurato di farci partecipare ai processi decisionali, ma neanche si è premurato di comunicarci l’esito delle decisioni prese tanto che abbiamo dovuto apprenderle dalla stampa e dai comunicati facebook.

Tutto questo non per fare polemica, l’abbiamo evitata fino ad oggi, nonostante i motivi ci sarebbero, ma solo per amore della verità e per onestà intellettuale.

Pertanto, dopo aver letto quel comunicato non posso esimermi dal chiedere: quando alle belle parole di facciata e alle, neanche più velate, strategie elettorali, si sostituiranno i fatti?

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: