Tullio Solenghi e Trio d’Archi di Firenze

Lo spettacolo offre una vera e propria immersione nel mondo di uno dei più grandi geni della storia della musica.

Grazie all’accostamento di alcune lettere, scelte all’interno del suo sterminato carteggio, con uno dei suoi ultimi capolavori cameristici (il divertimento per trio d’archi KV563, scritto al termine della sua vita in cui sembrano convergere e sublimarsi tutte le precedenti esperienze compositive), si traccia un ritratto umanissimo e sorprendente di Wolfgang Amadeus Mozart, ripercorrendo le fasi della sua esistenza di cui si scoprono le relazioni affettive e i temi a lui più cari toccando diversi registri espressivi, dal burlesco all’ironico, dal grottesco al tragico. L’eclettico Tullio Solenghi, con la sua sapiente ironia e prorompentepersonalità, si unirà all’esecuzione del Divertimento dando vita ad un connubio meraviglioso ed intenso, in un alternarsi di ironie,emozioni, facezie e arguzie.

 

Mozart K563. Un capolavoro assoluto per ricchezza dell’invenzione armonica e contrappuntistica e per varietà espressiva del gioco tematico, pieno di sentimenti e stati d’animo. Sofisticato e raffinato, un equilibrio perfetto tra la scrittura ‘dotta’ e la freschezza popolare, fuse in un unico elemento. Straripante bellezza fatta di virtuosismi, gioco di imitazioni tra le parti, sentimenti meditativi- spirituali, temi contadini, lo stile del carillon e la finezza del ricamo strumentale.

Una contagiosa energia vitale che garantisce un coinvolgimento emotivo e sensoriale senza pari.

 

Tullio SOLENGHI debutta in teatro a 21 anni con “Madre Courage” di Brecht e poi è presente in sette stagioni teatrali dello Stabile di Genova con testi di Moliere, Pirandello, Shakespeare, Goldoni e leregie di Squarzina, Quartucci, Besson, Costa Giovangigli e gli attori L. Volonghi, A. Lionello, T. Buazzelli, G. Albertazzi, L. Brignone, G.Brogi, E. Pagni, O. Antonutti, L. Massari. Nel 1977 debutta con uno spettacolo di cabaret insieme a Beppe Grillo e l’anno successivo esordisce in tv con il varietà Luna Park condotto da Pippo Baudo, con Grillo, Fioretta Mari, La Smorfia, Heater Parisi, Enrico Beruschi.

Seguono alcune commedie brillanti per la tv con Aroldo Tieri, Giuliana Lojodice, Paola Quattrini, Milena Vukotic, Paolo Poli e alla fine degli Anni Ottanta partecipa a varietà televisivi

con Ave Ninchi, Corrado, Sandra Mondaini.

Nel 1982 fonda il Trio con Anna Marchesini e Massimo Lopez, dapprima alla radiocon il varietà Helzapoppin Radio Due, poi in tv con “Tastomatto”, Domenica In (1984), Fantastico (1987), I Promessi Sposi (1990) che registra l’ascolto record di 14 milioni di telespettatori.

Sempre con il Trio, nel 1987 e nel 1990 realizza due spettacoli teatrali record di incassi, “Allacciare le Cinture di Sicurezza” e “In Principio Era il Trio”.

Negli Anni Novanta Solenghi presta la voce al personaggiodi Scar, nel cartone animato Il Re leone di Walt Disney, interpreta il film di L. Wertmüller “Metalmeccanico” e “Parrucchiera” con Gene Gnocchi e Veronica Pivetti. Torna poi al teatro con una “Bisbetica

Domata” tutta al maschile e “Le Nozze di Figaro”, produzione Lavia/ Anagni, quindi un “Ruzante”, un George Dandin e “I Ragazzi

Irresistibili” con Eros Pagni per lo Stabile di Genova.

 

TRIO d’ARCHI di FIRENZE. Il piacere del suonare insieme, lacondivisione dell’emozione dell’esecuzione e l’apprezzamento

del bello estetico sono gli elementi che hanno portato i tre esecutori ad unirsi nel Trio, formazione perfetta per numero e per

equilibrio delle parti, in cui l’individualità di ogni elemento viene rispettata nell’aspetto strumentale e valorizzata nella dimensione

cameristica. Gli anni di impegno individuale, il bagaglio di esperienze personali, la ricerca del suono d’insieme, la fedeltà alla

partitura e lo scambio continuo di idee e di conoscenze intuitive e sensibili, rendono il lavoro del gruppo altamente interessante

e produttivo, nel tentativo di donare all’ascoltatore momenti in cui sollecitare l’immaginazione, stimolare il pensiero, suscitare emozioni.

Formazione di recente costituzione, il Trio d’Archidi Firenze si impone al favore del pubblico e all’attenzione della

critica, coinvolgendo con la sua verve interpretativa e la vivacità del suono, incuriosendo per l’originalità dei programmi e trovando

spazio in numerose e prestigiose Stagioni e Festival quali IUC Roma Università La Sapienza, Agimus Firenze, Unione Musicale

di Torino, Caffeina Festival di Viterbo, Amelia Festival di Terni, Festival Amfiteatrof di Levanto, Teatro Antoniano di Lecce.

 

Programma

  1. A. Mozart Divertimento in Mi bem. Magg.K 563

Allegro

Adagio

Minuetto – Trio

Andante

Minuetto – Trio I – Trio II

Allegro

Letture di Tullio Solenghi

 

Il concerto che riprende la stagione concertistica sospesa a causa della pandemia da coronavirus, sarà dedicato alle vittime di detta emergenza sanitaria  nonché a tutti gli Operatori Sanitari, ai Volontari e a tutti coloro generosamente impegnati per la salvaguardia della nostra salute.

 

Domenica 26 luglio – Porte ore 20,00 – Sipario ore 21,00

Polisportiva “E.Giannoccaro” – via Marina del Mondo, 41- Monopoli

 

INGRESSI   

Posto unico:   €. 15,00 

Ridotto per i soci dell’ass.ne “Amici della Musica-O.Fiume”, i giovani fino a18 anni e gli allievi del Conservatorio “N.Rota” di Monopoli:   €. 12,00

 

Per informazioni:

Artesuono –  Pz. S.Antonio 34 Monopoli  – Tel./Fax 080 9372978

Associazione Amici della Musica “Orazio Fiume”  – Tel. 368.3718174 –  Fax 080 2142402

www.amicimusicamonopoli.com   –  amicimusicamonopoli@libero.it

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: