Monopoli, Mitrotti “attacca” il sindaco Annese

Quello dell’avvocato Michele Mitrotti, questa volta è un attacco politico diretto al sindaco Angelo Annese. Relativamente alla questione buoni spesa, infatti, l’esponente monopolitano di Forza Nuova ha giudicato “l’invio delle richieste di buoni spesa alla guardia di finanza da parte del Sindaco, un errore politico imperdonabile da parte del Primo Cittadino Angelo Annese che senza compiere alcuna scrematura o valutazione su pratiche erronee, incerte, incongruenti o viziate ha inviato tutte le richieste al Comando della GdF che valuterà a campione con il rischio che siano esaminate proprio le pratiche più corrette di famiglie oneste ed i truffatori la facciano franca“. “Il Sindaco – continua Mitrotti – avrebbe dovuto, invece, compiere lui una prima analisi e valutazione assieme al suo staff e poi avrebbe dovute inviare alla GdF quelle richieste anomale, incerte, viziate o incongruenti“.

BUONI SPESA: un chiarimento importantissimo sull'invio delle richieste di buoni spesa alla guardia di finanza da parte del Sindaco.Un errore politico imperdonabile da parte del Primo Cittadino Angelo Annese che senza compiere alcuna scrematura o valutazione su pratiche erronee, incerte, incongruenti o viziate ha inviato tutte le richieste al Comando della GdF che valuterà a campione con il rischio che siano esaminate proprio le pratiche più corrette di famiglie oneste ed i truffatori la facciano franca.Il Sindaco avrebbe dovuto, invece, compiere lui una prima analisi e valutazione assieme al suo staff e poi avrebbe dovute inviare alla GdF quelle richieste anomale, incerte, viziate o incongruenti. UN ERRORE POLITICO IMPERDONABILE.Speriamo scenda lo Spirito Santo ed illumini il Primo Cittadino per evitare di commettere simili errori che danneggiano la Città ed i monopolitani onesti.

Gepostet von Michele Mitrotti am Samstag, 23. Mai 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: