I “Racconti del camerone” di Lino Angiuli

Nell’anno di “Lorsignori” 1348 – narra Giovanni Boccaccio nel Decamerone – dieci rampolli fiorentini (sette donne e tre uomini) si riunivano in una villa fiesolana, dove si trastullavano narrando novelle, onde sfuggire al male della peste. 

In uno degli anni post-bellici e pre-televisivi, in Terra di Bari, dieci paesani di una certa età (sette donne e tre uomini) si trovavano “serasera” in un camerone, dove passavano il tempo a dirsi le storie loro, per “trovare l’acqua” al male della solitudine.

Dieci storie “terraterra”, raccontate da altrettanti personaggi del popolo, con le loro parole, i loro umori, i loro amori. 

Autobiografie “alla leggera”, corredate dalle tavole di Nicola Genco, partecipe interprete di tale mondo popolare.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: