Mola, via libera messa in sicurezza via Russolillo

Via Russolillo a Mola, via libera del Consiglio comunale al progetto per la messa in sicurezza di un importante ingresso alla città, scenario di un significativo intervento di espansione urbana (residenziale, commerciale, direzionale) con la realizzazione del Programma Integrato di Riqualificazione delle Periferie, il PIRP “Cerulli”.

L’intervento consiste nella realizzazione di una rotatoria e di un tratto stradale aggiuntivo di raccordo con la viabilità esistente. Nell’ambito dell’economia complessiva del progetto, il Comune di Mola ha ritenuto opportuno acquisire al suo patrimonio anche le aree residuali rispetto a quelle utilizzate direttamente per la realizzazione delle opere, perché assolutamente utili per dare compiutezza ed organicità all’intervento nel suo complesso. Su queste aree, al momento, sono previsti interventi generici di verde pubblico, quindi suscettibili di eventuali ed auspicabili proposte d’uso migliorative da parte della cittadinanza.

Le aree in questione sono destinate dallo strumento urbanistico vigente alla realizzazione di urbanizzazioni secondarie, destinazione a cui dovrà attenersi la loro definitiva utilizzazione.

L’importo complessivo dell’opera è di 350mila euro di cui 172mila finanziati dalla Regione Puglia.

“Il rondò di Via Russolillo – commentano il sindaco di Mola, Giuseppe Colonna e l’Assessore all’Urbanistica, Nico Berlen – è un tassello importante nel mosaico generale della mobilità urbana e della sicurezza stradale, una tappa intermedia, ma significativa, rispetto alla mèta di una città vivibile, sicura e sostenibile. Un percorso costituito da piani e progetti in elaborazione, ancora complesso e impegnativo, ma realizzabile, specie se condiviso”. A proposito della condivisione, il sindaco Colonna ringrazia “tutti i Consiglieri, di maggioranza e di minoranza, per aver saputo creare le condizioni di una convergenza unanime sul provvedimento che evidentemente rafforza il progetto e nel contempo ne riconduce il merito al Consiglio comunale nella sua interezza“.

L’intervento, che nasce su una condizione di viabilità preesistente già complessa perché caratterizzata dalla presenza di riferimenti socio/sanitari (pubblici e privati) di valenza extra cittadina – come per esempio la RSA e la Parrocchia della SS. Trinità – si rende necessario per moderare la velocità e deviare i flussi del traffico in entrata alla città.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: