Castellana, il comune passa a PagoPA per i pagamenti

Novità per i pagamenti in favore del Comune di Castellana Grotte: dal 1° luglio 2020 è attivo il servizio PagoPA per qualsiasi pagamento verso l’Ente. Addio definitivo, quindi, ai bollettini di c/c postale.

Con PagoPA, già attivo a Castellana dallo scorso settembre per versamenti per

– Carta di Identità Elettronica,

– Mensa Scolastica

– Trasporto Scolastico

Adesso sarà possibile pagare anche per:

– Agibilità

– SAD

– Condoni

– Matrimoni Civili

– Diritti di Segreteria (Demografici)

– Utilizzo Impianti Sportivi

– Oneri di Urbanizzazione

– Sanzioni Urbanistiche

– Diritti di segreteria (uff. Tecnici)

– Tassa per Concorsi

– Accertamenti Pubblicità

– Affissioni

– Pubblicità

– Imposta di Soggiorno

– TOSAP

– TOSAP Accertamenti

– TOSAP Mercato

– Violazioni al CDS

– Versamenti Diversi (voce residuale con specifica di causale)

Il contribuente potrà comunque versare il dovuto tramite F24 o bonifico sull’Iban dell’Ente ma, ovviamente, con questi ultimi due metodi di pagamento si allungano i tempi di accertamento dell’effettivo versamento.

Diverse le modalità di pagamento:

– attraverso il sito web del Comune di Castellana Grotte cliccando sull’icona PagoPA inserita nella parte inferiore e seguendo le istruzioni;

– attraverso l’app per smartphone IO inquadrando il QR Code dell’avviso di pagamento;

– infine attraverso i canali classici ed on line di banche ed altri Prestatori di Servizi di Pagamento (PSP), ovvero presso le agenzie della propria banca, utilizzando l’home banking del proprio PSP (cerca i loghi CBILL o PagoPA), presso gli sportelli ATM della propria banca (se abilitati), presso i punti vendita di SISAL, Lottomatica e Banca 5 oppure presso gli Uffici Postali.

Tra i Prestatori di Servizi di Pagamento ci sono anche i principali istituti bancari di Castellana Grotte e diversi altri metodi di pagamento alternativi alla carta di credito/debito. Per ogni pagamento, a seconda del canale scelto, è prevista una commissione che va da zero ad un massimo di due euro. La commissione viene stabilita sulla base del rapporto tra l’utente che deve pagare ed il prestatore di servizi prescelto per il pagamento.

In atto è anche la sostituzione dei POS già presenti nei diversi uffici del Palazzo comunale con altri compatibili con PagoPA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: