Monopoli, Maria della Madia e il potere evocativo delle immagini

Sono stato combattuto fino all’ultimo momento circa il fatto di scrivere qualcosa o meno, relativamente a quanto accaduto a Monopoli in occasione della Festa dell’Assunta. Se da un lato era dovere della nostra testata giornalistica riportare i comunicati di tutte le parti interessate, al fine di dare giusto spazio a tutti evitando posizioni che potevano sembrare di parte, dall’altro avevo pensato di non ritornare sull’argomento volendo evitare di rovinare con ulteriori polemiche quello che per tutti i monopolitani è davvero un forte momento di identità culturale e non solo religiosa, quello dell’approdo dell’icona di Maria SS. della Madia. Tuttavia una riflessione è più che opportuna, se non doverosa, e la faccio a partire dall’accostamento di due immagini, per cercare di comprendere il perché dell’indignazione dei monopolitani per quello che è accaduto alla Sacra Icona. La potenza delle immagini, il loro essere capaci di imprimersi negli occhi, nella mente, nei ricordi, è qualcosa che il mondo antico conoscenza benissimo e cercava di gestire, ed è proprio sulla potenza delle immagini che bisogna soffermarsi. Sin da piccolo, come tutti i monopolitani, mi è stato raccontato dell’approdo della Madonna della Madia sulle nostre coste, poi crescendo ho avuto la possibilità di approfondire le conoscenze di storia locale, ma soprattutto, come tutti i monopolitani, ho potuto entrare in quello splendido tempio cristiano che è la Basilica Cattedrale, ove tutto parla dell’accoglienza devota dei monopolitani nei confronti di quella sacra icona bizantina, dalle tele del Signorile a quella del Nardelli, per finire a quella del Fato. Nell’immaginario collettivo monopolitano, quanto rappresentato nelle tele, è quanto va fatto quando siamo in presenza dell’icona di Maria, non può essere diversamente ed è per questo che l’indignazione mostrata nei confronti di quella Madonna portata sul carro-attrezzi non solo è comprensibile, ma addirittura logica. Quella foto ha tradito quanto si attende inconsciamente ognuno di noi quando si parla dell’approdo della Madonna della Madia. Non è cosa da poco: le immagini hanno un potere molto più forte di quanto una persona consapevole di questa forza possa realmente aspettarsi. Siamo assuefatti alla vista di immagini attraverso video, foto e simili: sono il quadro della nostra giornata che è la cornice. Quindi, abituati, non ci accorgiamo di quanto ci influenzino. Sebbene razionalmente non ne abbiamo consapevolezza piena, emotivamente non ci sfugge nulla. Da oggi nell’immaginario collettivo sarà presente un tassello in più, a fianco del Nardelli, del Fato, del Signorile, ci sarà quel carro-attrezzi, purtroppo, e non basteranno bande musicali, luminarie e fuochi d’artificio a cancellarli. Tanto scritto da monopolitano legato alla Madonna della Madia e ai suoi tanti significati, al di là delle tante considerazioni politiche che si potrebbero aggiungere, ma che non mi pare il caso di tirare fuori in questa sede.

 

Cosimo Lamanna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: